Salta al contenuto

A letto, la sera

Quanno me lamentavo co papà
de nun dormí e de sta’ sempre svejio
lui me diceva sempre pe’ sta’ mejio
si te nun dormi perché devi magna’
oppure hai da paga’ quarche buffetto
che giri e t’ariggiri dentra’ar letto
l’importante è qui diceva netto
che n’hai scambiato rabbia co’ l’affetto.
A letto c’hai d’anná pulito e tosto
soprattutto co’ la coscienza apposto.

96
Published inGenerale

Sii il primo a commentare