Salta al contenuto

A’ nervatura

Io t’addummann ’ che tien’?
Ne’ che tien’ a prima mattina?
Pecche’ me fai ch’ella faccia storta
E po’ nun me guard’ chiu’?
Te miett’ chi spalle vutate e a’ capa sott’
Ma o’ sacc’ ca me spii.
Tien’ l’uocchi ca’ so’chiu’ nire ra mezzanotte e mannan saette.
Tu me vulisse accirere cu na guardata sola, tu me vulisse fulmina’ .
Che t’agg’ fatt’? Sto ca’, tu si a’ padrona
Me fai e me sfai comme vuo’ tu,
Pe na carezza e nu poche e’ bene
Aspetto va’ ….ca te passa sta nervatura.

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *