Salta al contenuto

A tavolino

E’ un vecchio tavolino rettangolare, basso con gambe fine e squadrate in ferro. Ricorda per le dimensioni uno di quei piccoli tavoli da the giapponesi.
Di che anno sia e da dove arrivi con precisione non si sa, l’ho sempre visto in casa da quando ero bambina.
Ci giocavo a servirci sopra prelibatezze, tra cui gli ottimi spaghetti Iridella a base di fili di lana colorati, pezzo forte tra le mie portate.
Si trasformava nella mia scrivania d’ufficio, con uno spazio tutto per me da occupare con fogli e pennarelli che ai miei occhi e alle mie ridotte proporzioni sembrava grandissimo.
Mi ci infilavo sotto e mi dava un senso di protezione quando il cielo tuonava, ma anche per fare le coccole a Briciola, la micia di allora.
Un tavolino, mille storie.

Per un lasso di tempo non quantificabile non è più nei miei pensieri e non so che fine abbia fatto.
Poi in adolescenza mi ritorna in mente, ne sento il bisogno e sarebbe l’ideale sotto la finestra di camera mia.
Inizio a cercarlo insistentemente, trovarlo diventa il mio obbiettivo.
Lo scovo nel magazzino coperto da un lenzuolo bucato. Lo libero dal peso di due scatoloni e lo spolvero con attenzione. Il piano giallo ocra ha perso di lucidità e la parte sottostante al vetro è attraversata da due crepe ramificate come fulmini.
Lo posiziono dove da giorni l’avevo immaginato, nascondo le sue ferite sotto un mantello color petrolio ricamato da soli e lune ton sur ton. Sopra ci metto un porta incensi, una tartaruga di legno con il guscio che si apre e un piccola statuina di buddha. Diventa il mio altarino e ritorna a far parte della quotidianità.
Ad un certo punto decido di toglierlo di mezzo, lo rimpiazzo con un tavolo vero e proprio, a grandezza naturale.
L’ho scartato, di nuovo non so dove possa essere e da qui parte un altro vuoto temporale in cui non mi curo più di lui.
Fino a qualche giorno fa. Lo rivedo in quello che era il mio garage, ora rimasto vuoto. Stavolta è soffocato da un nylon, il colorito sbiadito e completamente ricoperto da tanti capillari rotti.
Le gambe arrugginite ma sempre diritte. Lo fisso e senza pensarci due volte lo carico in baule.
Stavolta senza averne una precisa necessità, ma giusto in tempo per evitargli la triste vista della discarica.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *