Salta al contenuto

Brutto incontro

 

Camminavo spedita a passo svelto,
Tornavo a casa dopo la scuola.
Avevo 14 anni ma ero già una donna.
Lui mi seguiva da un po’ di giorni.
Aveva spiato i miei movimenti, conosceva i miei orari.
Lo guardai dritto negli occhi, piccoli e chiari.
Era un uomo tozzo e robusto,
Aveva dei capelli ispidi rossi, di un forte color carota. Stringeva le mani a pugno, mentre sfiorava le sue corte gambe.
Mi seguiva a breve distanza, potevo sentire il suo rantolo, avanzava più veloce adesso. Mi si parò davanti e con un ghigno mi intimo’ di fermarmi.
Lo superai più veloce che potei, mentre lui con un balzo mi fu vicino.
“Guardami, sgualdrina!” Urlo’ aprendo la patta dei suoi lerci calzoni.
Scappai stringendomi i libri al petto, mentre lui ancora guardava e sbraitava da lontano.

Pubblicato inDonne

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *