Salta al contenuto

Caro figlio mio

Caro figlio mio, se mai un giorno ci sarai,
sappi che un giorno ti succederà una cosa bellissima: ti innamorerai.
Lei sarà bionda o bruna, avrà gli occhi scuri o chiari, sarà alta o bassa, sarà magra o in carne. Ma non importa, per te sarà la più bella di tutte.
Sappi che la vostra storia potrebbe durare per sempre, oppure finire un giorno, per decisione di entrambi o di uno solo di voi.
Sappi che, in caso, la tua vita non finirà lì, che continuerà… e tu avrai altri occhi da guardare e mani da stringere. O forse no, forse starai bene da solo e troverai la tua dimensione altrove.
Quello che davvero mi importa è che tu sia gentile, sempre, e che tu sia un uomo perbene.
Supportala e spingila a volare, perché solo così potrai goderti il volo insieme a lei.
E se decide di volare da sola, accetta la sua decisione: la sua libertà vale quanto la tua, ma se la rispetterai anche nei momenti difficili diventerai un uomo migliore.
Cara figlia mia, se mai un giorno ci sarai,
sappi che un giorno ti succederà una cosa bellissima: ti innamorerai.
Lui sarà biondo o bruno, avrà gli occhi scuri o chiari, sarà alto o basso, sarà magro o in carne. Ma non importa, per te sarà il più bello di tutti.
Sappi che la vostra storia potrebbe durare per sempre, oppure finire un giorno, per decisione di entrambi o di uno solo di voi.
Sappi che, in caso, la tua vita non finirà lì, che continuerà… e tu avrai altri occhi da guardare e mani da stringere. O forse no, forse starai bene da sola e troverai la tua dimensione altrove.
Quello che davvero mi importa è che tu sia gentile, sempre, e che tu sia una donna perbene.
Supportalo e spingilo a volare, perché solo così potrai goderti il volo insieme a lui.
E se decidi di volare da sola, deve accettare la tua decisione: la tua libertà vale quanto la sua.
Se non ti rispetta nei momenti difficili, lascialo: non lo farà nemmeno nei momenti facili.
Ricordati sempre che l’amore non sminuisce, non domina e non offende.
Ma soprattutto l’amore non uccide.
Lascia tutto quello che non è amore. Non illuderti: non lo diventerà.
Per Giulia, per tutte.

Pubblicato inGenerale

1 commento

  1. Raffaele Celli Raffaele Celli

    Grazie Elisa. Da appendere, in due copie, una all’interno e una all’esterno di tutte le porte di casa, delle baracche, nel mondo. Suggerirei la sola modifica del titolo in ” Caro figlio di Dio”, “Caro figlio di Allah” …etc. Da leggere sempre prima di uscire e prima di entrare. E’ una delle modalità basilari per onorare la sacralità della vita incarnata nell’essere umano. Senza amore non c’è vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *