Salta al contenuto

Casa a Milano

A Maria mancava la casa natia, la casa di Milano, mancavano i profumi, gli angoli, i momenti dei suoi primi 24 anni
Il lungo corridoio su cui.si aprivano le porte delle stanze, i soffitti alti con gli stucchi, la grande cucina, cuore dell’ appartamento, dove la nonna preparava solerte ogni tipo di pietanza con amore, passione, nel rigoroso rispetto delle ricette di Romagna
Mancavano i pavimenti di legno, vecchi e scricchiolanti, detersi ed incerati all’ antica maniera, la grandezza delle camere, l’ ariosita’di quella casa primissimi novecento
E i gradini di pietra grigia che Maria saliva veloce quando tornava da scuola, il corrimano e la balaustra di ferro battuto
I vicini con cui.si stava in armonia, condividendo molto, ogni.giorno, quel vivere insieme, seppur ognuno a casa propria, nel grande rispetto reciproco
Maria era nata sensibile e nostalgica, questo suo volgersi indietro, questi ricordi a ritroso nel tempo la consolavano, la coccolavano, facevano affiorare sulle sue labbra un sorriso…Maria è cresciuta, ma ha un cuore bambino, è sola oggi,con quel passato e rivivrebbe volentieri quei momenti, fosse solo per risentire almeno per un attimo tutte le voci e i rumori di quella casa

Pubblicato inLuoghi del Cuore

1 commento

  1. Carla Bisogno Carla Bisogno

    Maria mi somiglia…anch’io una casa avita, lontana, il ricordi di una nonna sorridente il suo amore,, le coccole e un piccolo, grande mondo antico . Maria è un sentimento anche mio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *