Salta al contenuto

Cosa amo di te

Potrei dire che di te amo il tuo sorriso con i tuoi denti bianchi, le tue labbra rosa, i tuoi capelli sempre più colorati. Potrei dire che amo i tuoi fianchi, il tuo ventre piatto. Si, potrei dire tutto questo, ma in fondo è quello che di te amano tutti. Invece voglio dirti che amo il tuo modo di dormire, sai che sorridi ad occhi chiusi? e vorrei sapere in quel mentre su quale giostra ti trovi, dove stai giocando a mosca cieca, quale bambola stai pettinando. Dormi con i desideri di bambina ed io a raccontarmi la storia di come sarebbero stati i nostri figli. Amo il tuo cuore, che ti fa gesticolare quando parli, quasi tu volessi scacciare pensieri neri e liberare i colori dei tuoi sogni. Amo il tuo fegato, che ti spinge a combattere oltre ogni ingiustizia di questa vita. Ma più di tutto amo la tua piccola tiroide, perché quando ti arrabbi, ti si spalancano gli occhi e diventano grandi e azzurri come il mare, riflettendo tutta la luce che io possa desiderare e dove mi trovo spesso a navigare. Certo che si, amo anche le tue labbra, ma solo quando le atteggi o quando le socchiudi perché mi stai baciando. Si, amo anche i tuoi capelli colorati, soprattutto quando ti svegli dopo una notte impegnata a volare. Certo che amo i tuoi fianchi e il tuo ventre piatto, ma solo per quell’andamento lento, caldo al quale mi aggrappo ogni volta che…. ogni volta.
“Due calici di rosé di Provenza ed un cestino di navettes e celebriamo questo noi”.
(Il Nautiere)

Pubblicato inAmore

Commenta per primo