Salta al contenuto

De bello gallico

Carla mi ha fatto ricordare le versioni di latino…

De bello gallico: perché lo hai scritto Cesare?
Le versioni di latino, che cruccio che pianti!

Quella prof., dall’aspetto truce, portava negli anni ’80 pantaloni a zampa di velluto, del colore della nocciolina, una maglia blu, e zeppe, come negli anni’ 70. Non l’ho mai vista con un abito diverso.
Una scura e ricca linea nera sugli occhi. Capelli brizzolati, raccolti.

Rosa-rosae (nemmeno il T9 me le dà queste parole, ormai!), lupus-lupi, sum-es- fui-esse.
La grammatica la sapevo a memoria.

Non c’era modo, con lei, di sgarrare!
Paura a guardarla, impossibile penetrarla.
Ma ce l’aveva un’anima?
Beh, sì, a volte sorrideva, e sembrava quasi tenera.

Tenera o…
Ma perché aveva chiesto a Lucia, la mia compagna di classe (capelli cortissimi e biondi, treccina lunga a parte, stravivace, la prima a fare sesso), in cosa assomigliasse alla Lucia del Manzoni?
Ero scioccata, e lo dissi anche ai miei genitori. Meglio riderci su, dissero.

E poi, l’incubo: le capitali di ogni Stato a memoria!
Io ed Elena, scarse entrambe in geografia, di fronte ad una carta geografica a cercare disperatamente la capitale della Turchia.
Occhi sbarrati, a guardarci imbarazzate.

No, non c’era scampo con lei.

Attilio Regolo e Scipione l’Africano: quattro volte fui interrogata in storia, a bruciapelo… Famigerate Guerre puniche! Colpa di Didone ed Enea.

Ho imparato una cosa importantissima, però, dopo la doppia croce rossa, che non ho dimenticato: mai la virgola, dopo il soggetto!!

Ebbene, la severità era all’ordine del giorno.
E non solo con lei, la prof. degli anni ’70 negli anni ’80.

Ma queste sono altre storie…

Immagine dal web

Pubblicato inDonne

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *