Salta al contenuto

Er maschio

Er maschio
L’omo e la donna, se ancora se po’ dí,
quanno se fanno grandi e so’ maturi
allora so’ davero tempi duri
perché a’ ‘na certa sei arrivato lí
Ormai trova’ ‘na coppia che festeggia
nozze d’argento, d’oro o più diamante
e’ proprio cosa dura e disarmante
tutte reggine senz’ave’ la reggia.
Le donne poi so’ proprio ‘na bellezza
le cinquantenni d’oggi so’ ‘n portento
e Devi veramente stacce attento
perché da toro te ritrovi pezza.
Fanno la dieta vera tutti i giorni
tranne la sera che l’inviti a cena
n’ho viste tante,io, de quela scena
che senza fame se magneno tre forni
Quanno ce tieni proprio veramente
le porti solo se mejo ristorante
‘Nvece io che amo l’allegria
quanno ce tengo la porto all’hosteria.
Che poi ‘n vinello nun se lo bevemo?
Pe’ nun sbajá Te butti sur prosecco
l’arto atesino pe’ bagnasse er becco
Cor pesce ce va’ er bianco lo sapemo
E lei che co’ lentezza magna tutto
tranne ‘n pezzetto piccolo de lato
“Qui è veramente tutto prelibato
ma lascio spazio al dolce pare brutto?”
Lei l’ordina pe’ lei e pure pe’ te
“Così sentiamo due tipologie”
e tu dicenno ‘n paro de bucie
“ quello c’hai scelto benissimo per me”
Già te pregusti‘sto dopocena qui
lei ride e’ Bella e affascinante
già te figuri bardanzoso amante
ma te dira’ “ No : devo diggerí”
Te ‘nventi allora ‘na bella passeggiata
Così ciaiuta sai pe’ diggerí
ma dopo quarche e più kilometrata
Je dici affranto “ io vojo ann’a dormí”
Fine ingloriosa der generale armato
che ‘n branda se rimette da sordato.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *