Salta al contenuto

Forti come il tempo

 

Si conobbero per caso ad una cerimonia e lui restò senza fiato nel vederla.

Avrebbe voluto averla accanto da subito, all’ istante aveva capito che era lei la donna che desiderava, ma gli toccò aspettare, patire la gelosia per tutte le attenzioni che suscitava in quel contesto mondano.

Era diversa da tutte le ragazze che aveva conosciuto, quasi androgina in confronto ai canoni di bellezza che imperavano in quegli anni. Irene non aveva fronzoli, non amava trucchi e parucco; con lei la natura era stata generosa e le aveva donato una bellezza particolare fatta di elementi unici; un sorriso spontaneo che comunicava gioia, capelli lucenti e scuri, occhi brillanti e una figura snella e aggraziata.

Era bella Irene? Forse? Per lui era la più bella in assoluto.

Cercò in tutti i modi di farsi notare, sfoggiò, vincendo la sua timidezza, capacità nel ballo, cercò di fare discorsi interessanti, ringraziò mentalmente i soldi spesi in quel negozio di abbigliamento, che in cambio di uno stipendio intero, gli avevano fornito un completo elegante che gli stava a pennello.

Finalmente riuscì a tenerla in braccio, ballò con lei e sentì il suo profumo. I suoi sensi subirono una scossa formidabile e quasi vacillò quando lei, inciampando sui tacchi lo strinse in un abbraccio.

Perso, completamente perso.

Così si sentì e ne ebbe quasi paura. Poi lei si allontanò, ballò con altri e lui provò la gelosia stupida di chi non vuole dividere un suo bene. Si salutarono con la promessa di rivedersi e mentre lei se ne andò serena lui restò inquieto dal primo momento, desiderandola accanto, sempre.

In quella festa niente lo interessava più, le persone che gli stavano attorno persero i contorni e desiderò solo rivederla.

Che brutti scherzi fa l’amore, ci rende vulnerabili e ci espone alla sofferenza, all’ansia, ma ci riempie la vita.

Quando si rividero, entrambi capirono che erano fatti per stare insieme e insieme sono ancora adesso, felici di aver provato quell’amore spontaneo fatto di sensazioni uniche, come un fantastico cocktail, dove gli ingredienti sono stati mixati in dosi perfette e il sapore risulta …inebriante.

nella foto: Ballo, di Robert Doisneau

Pubblicato inAmore

1 commento

  1. Caterina Benigno Caterina Benigno

    Breve ma intenso , il racconto di un incontro fatale, di un colpo di fulmine fatto di sensazioni visive che attraversano i sensi e colpiscono al cuore. Non sempre poi il colpo di fulmine diventa amore e mette radici ma può capitare, come in questo caso, e allora è un miracolo, qualcosa di
    unico e meraviglioso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *