Salta al contenuto

Giorni di un amore

Accoccolarmi nei ricordi come si fa stringendo una coperta calda e tra le mani un tè’ bollente. Accidenti cosa riesce a fare quella lacrima tra le ciglia, senza avere tra le dita neanche una vecchia e sbiadita fotografia. Ma vedo il tuo passo mai spedito, cammini davanti a me le mani nelle tasche del giubbotto ed io che ti seguo curiosa e persa già nel sogno che sarà. Ero la ragazza del tuo cuore, il mistero più profondo e la folle gelosia di non mostrarla al mondo. Fiera di esserti accanto e sentire il tuo respiro mentre dormi , la mano calda che cerca me, mi attira nell’abbraccio ad occhi chiusi. Finestrini chiusi e rivoli di pioggia lungo i vetri, come il mio viso in quel giorno che non avremmo voluto vivere mai. E poi si spalanca un giorno di sole per asciugare quel pianto, per assaporare la breve felicità di un attimo, una fragola rossa, una canzone stonata, un bimbo che ride. E quel girotondo sulla sabbia, tutti giù per terra inciampando in un bacio già pensato.
Avere paura che tutto finisca, che quella favola era solo un inganno, che il giorno e poi la notte si alterneranno mentre ci vedranno col sangue agli occhi per una lite, parole grosse e poi pentirsi di averle pronunciate. Ti vengo a cercare, sei già sulla porta che aspetti me, in quell’inverno dorato di sole tiravamo sassi nel mare.

Pubblicato inAmore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *