Salta al contenuto

Gli alberi sono in fiore

CONTAME IL TEMPO DEL CORONAVIRUS

13 marzo 2020.

Giorno terzo delle ferie forzate per l’emergenza da covid19.

Contro il volere dei miei figli, giovani e partecipi alla vita di questi giorni, mi preparo come un soldato alla guerra ad affrontare il mondo oltre il cancello di casa.

Ho addosso oltre i vestiti, un paio di guanti azzurri e una mascherina con elastico.

Sto uscendo per andare al supermercato.

Dopo varie trattative con i figli e via wa col marito, salgo in macchina.

Mi assale il dubbio di trovare la fila di uomini e donne intabarrati muniti di carrello per il fatidico approvvigionamento.

Arrivo nel parcheggio e vedo subito ciò che temevo: una quindicina di persone in fila e in attesa di entrare.

Mi va bene, dopo venti minuti la guardia mi fa entrare dopo che è uscito un cliente col carrello da spesa di Natale. Sono entrata ed ho cominciato velocemente la mia spesa, mi sentivo un po’ in colpa al pensiero delle persone fuori in fila.

Tra queste una simpatica signora che intonava “Ci son due coccodrilli ed uno orango tango” mentre la fila si allungava.

Adesso c’è un bel sole e ben 18 gradi, mi affaccio alla finestra e quel tepore è una lieve carezza.

Gli alberelli in fiore mi fanno sperare e pensare che presto tutto sarà finito.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *