Salta al contenuto

I ricordi di Facebook

Come tutte le mattine appena mi sveglio guardo il cellulare e, come tutte le mattine, trovo sempre qualche notifica: aggiornamenti di App, e-mail da scaricare, messaggi Whatsapp, Instagram, meteo e infine Facebook che mi chiede se voglio “condividere un ricordo”.
E i compleanni, Facebook ogni mattina mi ricorda i compleanni. Ovviamente quelli degli amici più stretti li ricordo lo stesso e faccio sempre gli auguri in privato, ma mi fa piacere augurare buon compleanno anche ai contatti, agli “amici” di Facebook, è pur sempre un modo per mantenere viva e sensata questa “amicizia”.
La notifica Facebook di stamattina mi ha lasciato allo stesso tempo stupita e vuota: “Oggi è il compleanno di Lisa. Augurale buon compleanno”. Me ne ero dimenticata. E mi sembra strano perché alcuni compleanni non li scordo, per un motivo o per un altro.
Il compleanno di Lisa non posso scordarlo: è solo qualche giorno prima dell’ultimo dell’anno, una data che colloca il festeggiato come il più giovane dell’annata, della classe. Nello specifico, la più giovane della I e II C del liceo linguistico moderno “E. Balzan”.
Il compleanno di Lisa non posso scordarlo perché non l’ho mai festeggiato: durante le vacanze di Natale tra compagni di classe non ci si vedeva, soprattutto se provenienti da paesini diversi, scomodi da raggiungere senza patente. Non ricordo di averle mai fatto un regalo. Niente di più che un sms di auguri.
Il compleanno di Lisa non posso scordarlo perché quattro anni fa il destino le ha lasciato concludere il trentunesimo anno di vita, per poi rubargliela tutta, la vita, solo qualche giorno dopo, la mattina di Capodanno. Una morte senza senso e prematura in ogni caso, ma quando accade subito dopo aver festeggiato un altro compleanno, dopo essersi dati nuovi obiettivi per il futuro, è ancora più crudele.
Una disgrazia per la famiglia e gli amici; un’ingiustizia per una donna che vede nel compleanno non un traguardo da dimenticare, ma un nuovo inizio, il primo giorno di un nuovo anno da arricchire con nuove esperienze, con sogni da realizzare.
Non ero amica di Lisa, eravamo solo compagne di classe. Non conoscevo i suoi gusti musicali o di chi fosse innamorata, nemmeno il suo cibo preferito. Sapevo di lei solo ciò che vedevo in classe: studiosa, eccellente in tutte le materie, semplice. Altre compagne erano diventate sue amiche.
E mentre la ricordo, mentre ripenso al suo funerale, mi tormento: se non fosse stato per Facebook, oltre al suo compleanno, quest’anno avrei dimenticato anche la sua morte?
No, non potrei.
Come ogni anno non dimentico nemmeno Eleonora, l’altra nostra compagna di classe che invece frequentavo e conoscevo bene, che ancora prima di Lisa è stata strappata via da questa terra. Eleonora e Lisa, compagne di classe così diverse e distanti quaggiù, saranno diventate amiche lassù?
Facebook ci chiede di ricordare ciò che di bello e brutto abbiamo condiviso con lui.
E allora Buon Compleanno Lisa, proteggi la tua famiglia e guida i tuoi amici che anche senza Facebook non ti scorderanno mai.

Pubblicato inCompleanno

Commenta per primo