Salta al contenuto

Il corridoio

Attraverso questa vita come un lungo corridoio, tante porte chiuse e tante altre aperte, c’è un uomo nel mezzo che cammina piano, è piccolo di statura e ha in mano un pacco voluminoso di documenti. Il suo compito quotidiano è entrare in alcune di quelle porte, lasciare dei documenti e con aria tra il solenne e il rassegnato uscire con il suo fardello più leggero. Ogni volta lo guardo, perché mi piace osservare le persone, ha un viso di carnagione scura, occhiali che coprono degli occhi liquidi è uno sguardo mansueto e triste. Se fosse un animale lo assocerei ad un cane che aspetta il suo padrone che lo ha lasciato a casa da solo. Però lui il padrone ce l’ha , ma non lo lascia mai solo, lo tiene occupato con i suoi documenti, tanti ogni giorno. E ogni giorno lo ricompensa con il suo biscottino, in cambio di fedeltà e lavoro. Un po’ tutti assomigliamo a Claudio, l’uomo con il suo pacco di documenti sottobraccio. Ognuno di noi attraversa un corridoio, alcuni anche senza niente sotto il braccio, a volte hanno un foglio solo che contiene giorni di lavoro, di lotte, di ripicche, di successi e di cocenti delusioni. Quel foglio si è bagnato di pioggia, ha sostato sotto il sole si è confrontato con un prepotente, si è chinato ad asciugare una lacrima. Claudio il piccolo uomo e il suo fagotto di documenti vanno avanti e indietro in quel corridoio, mi ricorda il grande Charlot asservito alla catena di montaggio. Mi immagino il piccolo uomo e i suoi fogli sottobraccio, lui cammina lungo il parapetto di un fiume e ad ogni passo sfila un foglio e lo lancia giù nell’acqua lenta e verdastra, cammina e ride, come poche volte gli ho visto fare, la risata liberatoria di chi non ha più niente da perdere….

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *