Salta al contenuto

Il folletto di Natale

È tutto spento lì nelle stanze.
Le tende chiuse, sui vetri striati di gelo.
Sulla spalliera del divano i plaid piegati.
Le poltrone allineate.
Nessun rumore, dalla cucina il ronzio del frigo sottofondo noto in questo silenzio.
Poi si infrange all’improvviso questa calma perfetta, rotolano sul pavimento una, due, nove, venti palline colorate, dorate,argentate grandi, piccole e fuori dimensione. Avanza danzando un grande abete profumato e quelle palline come obbedendo a un comando, svelte si posano sulle punte dei rami verdi e in meno di un minuto lo caricano di scintillanti colori. Fluttuando nell’aria si avvicinano leggeri fili di ghirlande e con eleganza completano l’addobbo.
Io resto li stupita, ferma nel bel mezzo della stanza, nel mio pigiama con la meraviglia negli occhi.
Immagino schiere di folletti con i cappucci Rossi trascinare enormi scatole piene di addobbi e Luci e infine rovesciarle giù nella mia casa….
Un piccolo miracolo di Natale, penso e un brivido mi passa la schiena.

Pubblicato inFantasy

Commenta per primo