Salta al contenuto

Il mio due agosto

Ci sono date che fanno parte della propria storia, della storia della propria famiglia.

Il 2 agosto è una di quelle date.

Io ero giovane, quasi adolescente, e attendevo con trepidazione il rientro di mio papà, che lavorava in Sardegna, per partire per il mare.
Doveva prendere un aereo per Bologna e da Bologna un treno per Padova. E poi saremmo partiti per il mare. Finalmente.

E invece non arrivava.

A casa il telefono squillava e dopo un po’ arrivò a casa lo zio, e poi una zia. E poi un vicino di casa.
E la mamma nervosa.
E io..boh. Non capivo.

Ad un certo punto arrivò LA TELEFONATA.

Mio padre, arrabbiatissimo, aveva perso l’aereo.
E di conseguenza non era a Bologna, in stazione, ad aspettare il treno per tornare a casa. E non aveva ancora saputo niente di quello che stava succedendo a Bologna, in Italia e a casa nostra. Era troppo impegnato a cercare un altro aereo che lo riportasse indietro.

Quante volte capita, nella vita di perdere un aereo? Pochissime, soprattutto se di aerei non se ne prendono molti.

E per noi, quell’aereo perso è stato una fortuna.

Ogni anno, il 2 agosto, a casa mia si prega per i morti, si prega per i vivi e per i casi della vita.

E comunque non c’è perdono, non c’è spiegazione, non ci può essere giustificazione.

Published inGenerale

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *