Salta al contenuto

Il mio tacco 12

La potrai chiamare così:

“Storia d’amore e d’amicizia: io e il mio Tacco 12” .

Ricordo la prima volta che bimba rubai gli zatteroni di mia zia. Alte. Zeppate. Verdi.

Avevo otto anni e lo specchio rimandava l’immagine di una ragazzina goffa, impaludata dentro enormi scarpe ma orgogliosa di quel misterioso ed ancestrale suo sentirsi donna.

Non smisi mai di credere nel tacco. Alto.

C’è una strana perversione nell’elevarsi dal suolo…nello stare in equilibrio, funambola impavida su sentieri spesso non asfaltati.

E, Cenerentola non sempre compresa, indossai il mio tacco come la più fedele e invincibile armatura.

E non mi deluse mai!

Rese il mio passo sicuro, anche quando i miei piedi erano stanchi, piagati dalle mille strade che avevo percorso per ritrovare me stessa.

Impedì alle mie gambe di arrendersi, di cadere in ginocchio e assaggiare la polvere.

Infilzo’ quella polvere al posto mio, lasciando ora buchi ora orme, ora solchi su strade sterrate o dentro cuori che per me si erano improvvisamente aperti o irrimediabilmente chiusi.

E traccio’ la mia vita…sfiorando sadicamente o dolcemente corpi…passi al passo coi miei…smarrendoli…ritrovandoli …e poi di nuovo passi solitari.

Ma non si arrese mai…

Conobbe la pioggia del cielo e l’acqua delle mie lacrime …infangandosi in ogni pozzanghera creata…

Danzò ad ogni sorriso e leggiadro accompagnò il mio piede verso il suo cammino.

Non protesto’ neppure quando, già nuda, mi fu chiesto:

“togli anche le scarpe, abbandona il tuo tacco”

Per amore…mi svestii anche della mia corazza…

Rimasi con i piedi nudi sulla terra…

Tolte le scarpe non seppi più volare…

Accanto ad un letto giacevi, povero tacco, trofeo ambito e spento, come la donna che, donato l’amore, ali più non aveva…

Poi ci guardammo…

Sfidasti il mondo e me, amico Tacco.

“Andiamo via  – dicesti –vuoi camminare ancor sinuosa e femmina!”

Fu un attimo.
Rimisi le mie scarpe…

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *