Salta al contenuto

L’ Artro Monno

L’ARTRO MONNO

CANTO 1 Er serpentone

Proprio ner mezzo dell’età matura
me so trovato drento na pineta.
Nun so divve quanto fosse la paura
pe’ sta situazione poco consueta.
Faceva freddo, era buio pesto.
Se ce penzo la fifa nun s’acquieta.

Speravo d’usci fora al più presto,
perché se nun lo sai devi sapello
co chi te poi trova’ in quer contesto
Se te capita, credi, nun è bello:
da ‘n bandito esse derubato
mentre te minaccia co’ ‘n cortello.

Quanno ar buio m’ero abbituato,
che ‘n po’ de luna s’era accesa,
ce provai a spostamme da ‘n lato.
Presi na via ch’era un po’in discesa
e più avanti vidi un barlume,
na luce, che me còrse de sorpresa.

C’andai vicino: era ‘n fiume
andove la luna ce se specchiava.
Pensai tra me, con un certo acume
“Score lento, ma se ar mar annava,
considerando la sua direzione
fora da lì po esse che portava”.

Rinfrancato da quella convinzione
m’incamminai quanno…domineddio!
d’un tratto n’antra luce in azione,
in pineta era tutto ‘n brillio
sembrava il luccichio de diamanti,
poi de botto se posò ‘ndo stavo io.

‘N omone me se parò davanti,
‘na torcia in mano, co’ ‘n mantello,
pensai perplesso “Ce so’ li briganti,
pe’ te è finita caro Marcello”
ma pe’ cosa disse co’ voce roca
seppi in cor mio che nun era quello.

“Arfine t’ho trovato, porca l’oca,
dartronde qui er buio è profondo,
seguimi, che la strada nun è poca”
me pare disse, forse me confondo.
“Andremo lontano su un altura,
io sarò primo, tu sarai secondo.”

“Chi sei Virgilio?” chiesi con premura
“Per caso me voi portà all’inferno?”
“Lassa sta, quella è letteratura,
io rappresento Dio, er padreterno.
Er nome? Boh, nun me l’hanno dato,
ora andremo là verso l’interno”

Je chiesi “Ma tu, te sei domannato
se a vède ste cose tue io ce sto?”
“Cammina e arisparmia er fiato,
vonno così lassù andove se pò.
Dai che noi dovemo anna’ lontano,
quanno arriveremo te spiegherò”

Dopo ‘n’oretta in quer posto strano
de viaggio se ne era fatto tanto,
lui se faceva largo co’ la mano
io dietro invece ero affranto
perchè ‘n piede me faceva male.
D’un tratto spunta un monte arquanto

smisurato che rimasi de sale.
Nun se vedeva la sua estensione
e tutt’intorno come na spirale,
un serpentone fatto da persone,
saliva lassù molto lentamente
in colonna come in processione.

All’Omo chiesi “Ma chi è sta gente
che su quer monte forma quell’anello?”
Lui non rispose, nun me disse gniente
d’un tratto tirò fuori un mantello
Me disse “Mettilo su’ ‘a schiena,
dai annamo su, che mo’ vie’ er bello”

e proseguimmo co mijore lena.
Arivati quasi ar serpentone
m’appariva più chiara la scena:
coperti da na tunica marrone,
er viso co’ varia coloratura
però co’ ‘na stessa espressione.

Chi con la pelle bianca, chi più scura,
tutti spingevano con impazienza,
come se arriva’ sopra l’altura
ormai fosse l’unica incombenza.
Pe’ come ste persone eran poste
nun s’accorsero de la mia presenza.

L’Omo, ora in vena de risposte:
“So anime sporche in espiazione,
vanno ripulite e predisposte
ad ave’ come ‘na resurrezione
ed entrà in un’antra creatura.
Da sempre che ce sta ‘sta processione.

Quì l’anima è sempre impura,
pur se casta fu la sua esistenza.
Quelle che vedi qui sulla pianura
aspettano da anni con pazienza
de salì sur monte”. Io so sincero
restai de stucco e de conseguenza

se formò drento de me ‘sto pensiero:
Un defunto pò torna’ in azione
puro se seporto ar cimitero?
Se fosse questa qua la soluzione
de com’è l’artro monno, putacaso?
…Dio mio! Esiste la reincarnazione!

CANTO 2 Drento er monte

Lui proseguì “Ora che sei persuaso
procederemo su pe’ la montagna.
Hai visto che a noi nun fanno caso
pe’ ‘sta frenesia che li accompagna
e che li tiene tutti concentrati?
Andiamo su, stamme alle carcagna”

Quanno a loro fummo affiancati,
me fecero ‘na pena disarmante:
tutti spingevan come forsennati.
La voja de sali era pressante,
pe’ di’ mejo era ‘n’ ossessione,
ma la velocità era costante.

Allora chiesi ar mio cicerone
“Perché er viso c’ha quella tintura?”
Rispose “L’entità della sanzione
er colore der viso la misura.
Scuro è de chi ha peccato spesso,
quello bianco è de persona pura.

Vedi questo è il primo ingresso,
drento se scontano pene tremende.
I più scuri imboccano adesso,
quelli più bianchi devono attende,
entreranno più su, in altri fori.
Più se sale meno so’ le ammende.”

“Ma se sanno che drento so’ dolori
nun è mejo che ce stanno lontani?
Perché spingono come buttafori?”
“So come li migranti africani
che vonno scappa’ sopra ‘n barcone,
pe’ pote’ torna’ a esse umani”.

All’entrata me riparlò l’omone
“Qua ce so brutte scene in verità,
vedrai tante torture in azione
che la pelle faranno accappona’.
Nun te le scorderai è garantito,
stamme vicino, nun te preoccupa’”.

L’anima che entrava in quer sito
subito la tunica se tojeva.
Notai che cor corpo senza vestito
er sesso loro nun je se vedeva.
Tra le loro gambe, nun ce crederai,
nun c’era gniente lì che je pendeva.

“Nun c’hanno er sesso, ma come mai?”
Chiesi e lui rispose sorridente
“Se sei anima nun serve, che ce fai?”
E’ giusto! Ma poi me venne in mente
Chissà se puro lui nun è dotato?
Ero curioso ma nun dissi gniente.

Poi chiesi “Qual’è er significato
de’e loro tuniche lasciate la’?”
“E’ l’unico legame cor passato,
finchè l’anima de fora rimarra’.
Poi ‘na vorta che drento è entrata
nun serve pe quello che diventerà.”

La montagna era tutta scavata,
ce faceva un cardo infernale.
Notai su in arto na barconata
che pareva de na casa normale,
co tanto de logge e corrimano.
Ce se saliva co’ svariate scale.

Quello che vidi poi me sembrò strano:
in una zona de serci roventi
l’anime ce camminavano piano,
senza spicciasse, ma co passi lenti,
biastimanno iddio senza ritegno
e straziandoci coi loro lamenti.

“Vedi qui drento c’è un disegno:
L’anime subiscono l’espiazione
e quelli come me hanno l’impegno
che tutto vada alla perfezione.
Li poi vede sul ballatoio lassù.
Lì hai visto la prima punizione.

Mo’ vado de sopra e vie’ puro tu”.
Sur ballatoio co’ mejo visuale
finarmente capii com’era giù:
tante zone dove sconta’ penale,
da un bucio in tera se sentiva
soffia’ aria nella parte centrale

fin su, dove da n’antro proseguiva.
“Ma che c’è l’aria condizionata?”.
Dall’Omo la spiegazione veniva:
“Dar bucio l’anima vie’ risucchiata
quanno pulisce il suo disonore,
e doppo su ner cielo vie’ mannata.

Sta lì volando senza er colore,
che ha perzo quanno diventa pura
a forza de sopporta’ er dolore.
Rimane lì finche nun è sicura
de ritorna’ in un antro umano.
E questa è tutta la procedura.”

CANTO 3 Le zone d’espiazione

Proseguimmo ancora sur ripiano
perché l’Omo voleva che guardassi
artre zone che stavano lontano.
“Lì ce so i colleghi mia coi sassi.
Li tirano ad anime dannate,
che stanno ferme là a pochi passi”

Quelli, mentre lanciaveno sassate,
me pareva che se divertiveno.
Intanto le anime disgraziate
dopo un po’ a tera crollaveno.
Poi veniveno curate pe’ ore
e quella tortura rifaceveno.

Scorsi negli occhi del mio tutore
‘n’invidia forte verso la sua gente
de anda’ ne la parte inferiore
piuttosto sicchè fa er conducente.
Pija’ de mira l’anime dannate
sarebbe stato più che divertente.

In artre zone da me osservate:
le vidi immerse in lava sciorta
o da orrende bestie dilaniate,
ner ghiaccio co la testa capovorta,
sempre con un lamento che devasta
e turba la mente de chi ascorta.

Poi nessuna forza m’era rimasta
e caddi come corpo morto cade.
Quanno rinvenni l’Omo disse “Basta
mo se dividono le nostre strade.
Ora se quarche domanda te resta
falla che la proverò a evade”

Risposi “Quarche? Ce n’ho na cesta.
Però aspetta famme aricorda’
che c’ho un cerchio su pe’ la testa.
Ah, ecco: dimme ‘npo’ ando’ stamo qua,
e che vordi’ tutta sta tarantella?
E na pineta così dove po’ sta?

E sta montagna qui, è la Maiella?”
“Lassa sta nun l’indovineresti mai.
Nè sopra la tera ne su ‘na stella,
sto posto nun esiste dove tu stai.
Sta in un universo costruito
pe ricicla’ anime, come già sai.”

‘N antro universo! Fui basito,
rimasi per un po’ senza respiro.
Poi chiesi ancora “Drento sto sito
quanto hai da sta’ pe’ torna’ nel giro?”
“Dipende dalla loro penitenza”
Lui rispose facendo ‘n sospiro

che me trasmise la sua impazienza.
“Qui pe’ tutte quelle che ce verranno
de mille anni è la permanenza
mentre pe’ l’anime che più su stanno
solo d’un secolo è la fermata,
in cima se resta solo ‘n anno”

Ma c’è na cosa che nun t’ho spiegata:
quando finisce su nel firmamento
l’anima pura verrà riciclata
solo co’ ‘n giusto abbinamento
co ‘n corpo appena partorito.
Mijoni d’anni po’ vole’ st’evento.

Se de sta durata te sei stranito,
devi sape’ che er tuo universo
more e rinasce all’infinito,
anche se è pensiero controverso.
Quanto der Big Bang e der Big Crush ne sai?
E ciò che da sta tesi è emerso?

Mo lo ripeto e nun lo scorda’ mai:
l’anima che resta nell’atmosfera
anche pe’ molti anni, ora lo sai,
po’ risorge e lascia’ sta galera
quanno finarmente sarà riuscita
a trova ‘n corpo giusto in tera.

Dunque st’inquisizione è finita?”
“No, aspetta ancora n’antra cosa: ma quanno torna in un’antra vita,
da’a vecchia se po’ ricorda’ quarcosa?”
“Po esse che ce sia st’inconveniente”
Qui l’omo fece na smorfia curiosa

“Non sempre tutto va correttamente.
M’hanno detto che de rado ce sta
no strano flashback na’a nova mente,
ma è na malfunzione da sistema’.
De torna’ a casa è giunta l’ora,
fai tesoro de quanto hai visto qua

per il resto della vita ancora.
Mo’ senti bene le mie istruzioni.
Quanno da la montagna tu stai fora
buttate de sotto a pecoroni
pe la dorsale come un fuscello.
Chiudi gli occhi e poi t’abbandoni.

Ah! ‘na cosa,lascia lì er mantello.
P’ anna’ via passa pe quell’anfratto,
ora te saluto caro Marcello”
“Cosa? Buttamme giù, ma tu sei matto!”
“Nun te preoccupà, nun te fai male
ch’ è un sogno quello ch’hai fatto”

‘O saluto e scenno da’e scale.
De fori er buio è sempre de più.
C’è sempre er serpentone che sale.
M’affaccio ar bordo e me butto giù,
vedo na luce e sento ‘no squillo…
… la sveja, sbadijo e me tiro su.

183
Published inSogni

Sii il primo a commentare