Salta al contenuto

La brutta favola del Bel Paese

 

C’ era una volta, tanto tempo fa, un paese bellissimo, si chiamava Italia ma tutti lo chiamavano Bel Paese.

La gente viveva in armonia e si accontentava di poco, il suo territorio era tra i più belli al mondo, e tutti i maggiori poeti ne parlavano con ammirazione. I suoi statisti avevano il calibro di grandi uomini e spesso, per le loro idee,erano disposti a dare la vita.

Un giorno però, un brutto virus colpì il paese e tutto finì tragicamente.

Questo morbo infettò tutti gli italiani, si ammalarono di vanità, di potere, di protagonismo, persero la capacità di pensare e delegarono il loro pensiero ad altri. Per loro pensarono i vari dittatori che, uno dopo l’ altro, si sostituirono ai cittadini, pensarono in loro vece, imposero il pensiero unico.

La democrazia morì miseramente e nacque e si consolidò, la politica del più forte.

I partiti si schierarono, la gente si schierò e la chiesa li benedisse.

La fine del bel paese cominciò così.

Ora siamo malati e la prognosi è grave, i medici che dovrebbero curarci sono quelli che ci hanno infettati, geneticamente ci siamo indeboliti e non riusciamo a produrre ANTICORPI.

Scegliamo un Santo, portiamolo in processione come facevano i nostri avi di Manzoniana memoria e speriamo in una pioggia salvifica perché gli untori sono al potere e ce li abbiamo messi noi.

 

Published inSogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *