Salta al contenuto

La libellula in un prato

Tutto il mio ieri nello spazio di un cellulare, i nostri occhi e i nostri sorrisi fermi nel momento di un click. Vestivamo con gli abiti migliori nei colori scelti per l’occasione. Un brindisi è un tintinnare di bicchieri, il velo e lo strascico lungo della sposa, quella che piangeva sull’altare. Un girotondo e mani di bambini che si stringono , un giradischi e le canzoni di Natale. Una lunga fila di auto e un’autostrada senza sole, ma la speranza di arrivare in tempo per la cena. Le luci intermittenti è un piccolo abete, il primo giorno di Natale lontani da casa e una pizza nel cartone mentre il cielo si riempie dei fuochi di fine anno. Sui binari di un treno in corsa vedo passare i fotogrammi colorati dei giorni felici insieme a quelli un po’ sbiaditi di quelli tristi. È passato tanto tempo , succede che non ti accorgi a volte di quello che accade agli altri, anche a quelli che abitano di fianco. Giorni si susseguono a giorni, come i gradini di una lunga scala di pietra. Gradini alti, che fatichi a salire, ti porti dietro il peso di cose insolute, vorresti lasciare andare giù per quello scalone tutto quello che grava, che ingombra. Potessi fermarmi su quella scala a contare e ricordare quel sorriso di chi mi ha amato, il bene senza riserve, il vuoto a perdere degli amici di sempre. Se la vita ha un senso è solo quello che noi saremmo capaci di darle. Come riempire una scatola vuota mettendoci dentro i nostri pensieri e tutto quello che vorremmo realizzare. Riempire ogni spazio vuoto con attenzione, affetto e tutto l’amore necessario. Persino riuscire a realizzare qualche vecchio sogno, di quelli chiusi nei cassetti della memoria è mai più riaperti. Io penso proprio che ricomincerei da lì, da quel sogno che sognai ad occhi aperti inseguendo una libellula in un prato…

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *