Salta al contenuto

La magia del Natale

CONCORSO LETTERARIO QUESTO NATALE 2020

Regolamento. Al termine della lettura della storia, puoi lasciare il tuo giudizio. Vince la storia che riceve più Like. Il concorso termina il giorno di Natale. Il vincitore sarà proclamato il 26 e riceverà in dono tre libri degli autori del Blog

§§ §§

…. E ogni anno la magia si ripete…..
La storia inizia ogni anno troppo presto, quest’ anno, causa restrizioni, ancora prima!
All’improvviso vai al supermercato e trovi ogni cosa che ti ricorda il Natale: luci, palline, statuine….
A quest’epoca la cosa mi fa male, mi fa pensare a quanto queste festività siano diventate commerciali ed abbiano perso il valore umano e spirituale della cosa.
Ogni giorno di più l’aria “di festa” intorno si colora di addobbi ed ogni giorno di più la mia tristezza e il mio senso di vuota aumentano.
Ogni anno penso di essere diventata un pezzo di ghiaccio, fredda… giro distratta tra tutte queste luci, mi riprometto di non prendere regali se non per mio figlio….poi all’improvviso, all’avvicinarsi delle festività, comincio a sentire il desiderio di confezionare pensieri per le persone a me care, a pensare a cosa le può rendere felici, a dare una qualche emozione e butto giù una lista. Cose semplici, utili….
Gli anni in cui sono più brava compero qua e la’ cose che poi dono, in altri faccio all’ultimo e questa adrenalina che sale mi fa cominciare a sentire che qualcosa di importante sta accadendo, che a ciascuno di noi è data una nuova possibilità!
Negli anni la regina della festa era mia madre; duranti i giorni precedenti faceva i lavori di casa, ci chiedeva di occuparci noi dei regali (fatta eccezione degli abiti che lei confezionava), lei ci dava i soldi, non si sentiva portata a farlo per noi.
Le sere passavano tra le decorazioni, il presepe, l’albero e il concerto di Natale, tradizione indiscussa.
Ma la sera della vigilia, quella era dedicata a cucinare, il pasticcio sempre all’ultimo minuto, anche l’orlo dei pantaloni nuovi non era da meno, ma, tra una corsa e l’altra, tutti in fretta alla Santa Messa di mezzanotte e poi a casa sua con tutti gli amici per la tradizionale cioccolata e altro.
L’indomani pranzo in famiglia con successiva tombola o partita a carte. A casa nostra era ogni giorno Natale…la porta era aperta e mia madre pronta ad accogliere che volesse aggiungersi per condividere.
Ecco il significato del Natale, la famiglia, lo stare insieme.
La gioia nel cercare di capire se avevo preso il regalo giusto era più intensa dello stesso ricevere i miei regali.
Negli anni a venire la gioia del Natale è stata negli occhi di mio figlio, nella tradizione del Babbo Natale che mai è mancato a casa nostra, nello stare insieme.
Ho cercato di coltivare in lui l’amore per le tradizioni che ho a mia volta ricevuto, facendo insieme gli addobbi, nel comprare utili oggetti ai cari, nello scrivere la letterina a Babbo Natale, nell’ascoltare le musiche di Natale e nel partecipare alle iniziative anche religiose del momento.
Oggi il clima è diverso, le sedie sono in parte vuote e quest’anno per colmare quel senso di smarrimento e di solitudine ho deciso di regalare piccoli gesti di gentilezza: una telefonata a chi è solo, un saluto dalla finestra, un messaggio e un sorriso per tutti.
Mi piace lo strascico che lascia questa serie di gesti, il sorriso è difficile per tutti in questo momento, ma trovo siano attimi contagiosi e che colmano anche se in minima parte quel bisogno di abbracci e attenzioni che abbiamo sospesi.
Credo che il più profondo senso del Natale sia questo, guardarsi intorno, voltarsi indietro e vedere l’altro, il diverso, l’ultimo…in termini di possibilità ….di solitudine…
Quante mani in attesa di una stretta nei letti di ospedale…. Quante persone chiuse in casa…sole….piene di paura di contrarre questo maledetto virus.
Mi sento la regina delle piccole cose, quelle che ho imparato e vissuto nella mia infanzia/giovinezza e che sto appunto cercando di tramandare a mio figlio.
I miei genitori in questo sono ancora con noi.
E che sia davvero, anche se diverso, un BUON NATALE!

la foto di copertina è di Fulvio Mantoan

Pubblicato inGenerale

1 commento

  1. Chiara Montresor Chiara Montresor

    Fantastica Chiara… Quando parla il Cuore è Sempre Poesia. Buon Natale Tesoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *