Salta al contenuto

La memoria

Adesso va’ de moda er tatuaggio
ma quele cifre ‘mpresse su la pelle
portate co’ mestizzia e co’ coraggio
da madri, padri e pôre craturelle.
Quei visi visti pe’ fotografia
te fanno male proprio drent’ar côre
li senti ancora lì gridi de dolore
de madri pe’ li fii strappati via.
Le docce finte, l’obbrobbrio de li forni
noi l’animali li tenemo mejio
a tutte le violenze damo ‘tajio
senza scordalli mai quei tristi giorni.
Io me domanno e chiedo “come hai fatto”?
tu omo a ‘n antro omo a fa ‘ste cose?
Sevizzie, cruderta’ vita d’accatto
fra l’animali ‘n’esisteno ‘ste cose
Tu omo a ‘n artro omo pe’ diletto
hai fatto questo senz’ave’ pietà’
senza pudore, senz’ave’rispetto
sei la vergogna de l’umanità
Pe’ questo se dovemo ricorda’
quei giorni fatti de violenza e morte
e chiede scusa si nun se semo accorte
che la vita è gnente senza dignità.

in copertina: Immagini dall’Olocausto

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo