Salta al contenuto

La speranza de Toto

Guardanno bene quello che c’ho intorno
penzanno a te,io passo notte e giorno :
nun vali manco er tempo de ‘ste strofe
sarai pe’ sempre reggina tra le scrofe;
e mentre me tormento ne le vojie,
me t’aritrovo signora tra le trojie
e io che ancora cortivo ‘sta passione
rimango e resto solo ‘n gran cojione.
C’ho bene chiara tutta ‘sta storiella
che p’ann’ a dama hai fatto la sorella
come la suora ch’a Monza poi je dava
le marionette, co’ te, fanno la bava;
ma nun penza’ c’hai vinto la partita :
è ‘na fermata ner viaggio de la vita,
che’ quanno perza e triste resterai
la mano mia, da sola, troverai
perché io resto solo quer che sono
e la vendetta mia sarà er perdono
io te ripuliro’ da tutt’er fango
perché quei giorni ancora me li piango
Che ‘n ber soriso che chiude la sera
è ‘r corollario de ‘na vita intera.
Mentre cortivo tutti ‘sti penzieri
io poi m’accorgo ch’e’ sortanto ieri
trovannome bagnate poi le mani
spengo li sogni : stamo già a domani.
Che bisogna guarda’ avanti e no de dietro
pe’ nun trovasse com’er pôro Pietro.
Comunque cor dolore drent’ar petto
so’ coerente : da sognatore aspetto.

49
Published inPoesia

Sii il primo a commentare