Salta al contenuto

La vita che sapeva di domenica

Ad un tratto le passò davanti tutta la sua vita, le sue gambette nude in riva al mare, il broncio sotto il cappellino, la bici appoggiata al muro e un albero fiorito in una mattina d’estate, la camicetta a quadretti verdi e il nodo stretto ai fianchi, la vita che sapeva di domenica, all’ultima fila del cinema era primo amore. Al primo banco con tutte le ragazze. Il giro sotto i portici, alle sette.
La mamma che ti legge nei pensieri.
Papà con cui parlare. E le amiche vere e quelle no. Il profumo delle giornate di primavera. Tutte quelle foto sparse nel cassetto. Contare anche i minuti di quello che sarà.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *