Salta al contenuto

L’affruntata

L’affruntata
Figlio mio , figlio mio sono venuti alla mia porta e mi hanno detto che sei tornato, mi hanno detto che sei qua in città.
Figlio mio, Giovanni il Battista me lo ha detto: Vai corri, Maria! Gesù è risorto!
E allora facciamo l’affruntata,
Ti voglio vedere figlio, con questi occhi miei che piansero sotto la croce.
Le mie orecchie udirono i tuoi lamenti, le preghiere al Padre tuo.
E le ferite del costato trafitte, si aprirono sanguinando nel mio cuore.
Figlio, figlio mio laggiù ti vedo, stai venendo ad incontrare questa madre di lutto vestita. Il mio cuore tormentato , balza adesso nel petto, gli occhi tuoi belli , i tuoi lunghi capelli, sei tu sei tu …corri nell’abbraccio ed io corro, corro .Nel vento perdo il nero mantello, per te indosso un candido velo di festa.
La gente piange le sue lacrime e commossa canta : Gesù è risorto!

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *