Salta al contenuto

Lamia

Diu tu, ieu regina
I to’brazza, furu a me’ruvina.
Pochi istanti di felicita’
I pavai pi ll’eternita’

Mi stringivi, mi ccarizzavi
a mmia m’amavi, a iddha tradivi.

Si sta roccia sapissi parrari
I st’amuri chi s’eppi a mmucciari
ra Regina di li dei
chi non putiva sentiri,
li suspiri toi e mei.

Quantu amuri mi dunasti,
bellu, forti, a gioventu’mi pigghiasti.
Intra I mia semi I re spargisti,
grira I partu, tu diu,mai sintisti,
ma I mei e I toi frutti I ll’amuri
belli, splendenti furu I nostri criaturi.

Bella era ieu,fimmina mortali
mentri iddha si mbiviva u fieli.
Fu gilusa ru primu mumentu
e vinditta priparau cu gran turmentu.

U so’diu, l’omu soi,
carizzi a n’autra, a iddha sulu nu ” poi”.

I picciriddhi canusciru a furia, u duluri
i na dea, fimmina bbandunata ru so’ signuri.

Ravanti all’occhi di la matri indifesa
mmazzau ddhi criaturi, vindicandu l’offesa.

_ Fermati! Fermati! Sciuppiti u me’ cori!
Pieta’pi sti figghi! Pirdunu chiedu pi lu to’ pirdutu onuri!_

_ Piaciri tu pruvasti ‘nta li brazza di chiddhu diu,
ora sarbizza cerchi,ma ra me vinditta a pavari u fiu! _

In ginocchiu stringiva terra nsanguinata.
_ Sarba I me figghi, malirici a mmia, sbinturata!

Ma ormai sulu silenziu, sulu sangu, sulu duluri
Ddhu fimmini cumbattiru pi ll’amuri e pi ll’onuri.

A ddritta, chi mani nsanguinati una ririva.

L’autra pu gran duluri di bruttizza si vistiva.

_Vampira divintai, fuia Lamia,
dilaniu corpi, mbivu sangu vivu…furisteru,stai luntanu I mia! _

_ Amai e pi amuri pirdia
I me’criaturi, amuri di la vita mia.

Furisteru, non trasiri nti sta grotta scura,
l’umbra e’a mia, a petra ti parra I sira.
Mali ieu vogghiu fari pi la vita eterna,
pi stu duluri mei, I matri, chi mai sverna!_

Lamia (traduzione)

Dio tu, io regina
le tue braccia,sono state la mia rovina.
Pochi istanti di felicita’
li ho pagati per l’eternita’.

Mi stringevi,mi accarezzavi
Mi amavi mentre lei tradivi.

Se questa roccia sapesse parlare
di questo amore che si e’dovuto nascondere
dalla Regina degli dei
che non poteva sentire
I sospiri tuoi e miei.

Quanto amore mi hai donato,
bello,forte, la gioventu’mi hai rubato.
Dentro di me semi di re hai sparso,
grida di parto , tu dio, mai hai udito
ma I miei e I tuoi frutti d’amore,
belli,splendenti,furono le nostre creature.

Bella ero io, femmina mortale
mentre lei beveva fiele.
Fu gelosa dal primo momento,
e vendetta preparo’ con gran tormento.

Il suo dio, l’uomo suo,
carezze ad un’altra, a lei solo un “poi”.

I piccoli conobbero la furia, il dolore,
di una dea, femmina abbandonata dal suo signore.

Davanti agli occhi della madre indifesa
uccise quelle creature,
vendicando l’offesa.

_ Fermati! Fermati! Strappati il mio cuore.
Pieta’per questi figli!
Perdono chiedo per il tuo perduto onore!_

_ Piacere hai provato fra le braccia di quel dio,
ora salvezza cerchi, ma della mia vendetta devi pagare il fio!_

In ginocchio stringeva la terra insanguinata.
_ Salva I miei figli, maledici me, sventurata!_

Ma ormai solo silenzio, solo sangue, solo dolore.
Due donne combatterono per l’amore e per l’onore.

In piedi,con le mani insanguinate una rideva.
L’altra per il gran dolore di bruttezza si vestiva.

_ Vampira diventai, fui Lamia,
dilanio corpi,bevo sangue vivo…forestiero stai lontano da me.!_

_ Amai e per amore ho perso
le mie creature , amori della vita mia.
Forestiero non entrare in questa grotta scura,
l’ombra e’la mia, la pietra ti parla di sera.
Male io voglio fare per la vita eterna,
per questo mio dolore di madre che mai sverna!_

( la leggenda di Lamia.
Grotte della Lamia Montebello Jonico_ RC.

Lamia, secondo il mito, era la bellissima figlia del re della Libia, Belo.

Di lei si invaghi’ Zeus.

La storia d’ amore tra il dio e la mortale ebbe un epilogo tragico.

Era, scoperta la tresca, decise di vendicarsi nel modo piu’ terribile.

Uccise i figli della coppia dinanzi agli occhi impotenti della madre.

Si salvarono solo due figlie: Sibilla e Scilla.

Lamia, impazzita per il dolore, covo’ dentro il cuore odio e rancore.

Idue sentimenti perversi abbruttirono la sua anima trasformandola in un essere terribile, un mostro, un obbrobrio…

Si rifugio’ dentro questo antro… Ecco perche’ ancora oggi si dice che dentro questa grotta batte il cuore di Zeus.

Era divenuta una specie di Arpia o un Vampiro ante litteram.

Usciva per adescare bambini e giovinetti e li uccideva dissanguandoli e nutrendosi del loro sangue.

Il suo proposito era quello di fare provare alle madri il suo stesso dolore…

Laimos in greco significa” gola” e Lamyros significa ” ingordo”.

Ecco perche’ i greci chiamarono cosi’ questo antro.)

in copertina: Grotte della Lamia, Montebello Jonico

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *