Salta al contenuto

Lassimi u tempu

Lassimi ‘u tempu

S’è vveru ca a decidiri
d’’u tempu ca ‘nni rresta
su’ tri fimmini vecchi e ‘nzavanati,
Clòtu ca fila l’anni, ‘i misi e ‘i jorna,

Làchesi ca l’ammogghia ‘nta lu fusu
e Àtrupu, ‘a cchiù pessima, ca tagghia,
allura puru si ‘u mè filu è prontu
lu stabbilìsciu iò: ‘un si pò tagghiari.

M’addivirtìa a gghiucari ‘nte mè anni,
cci desi filu ‘i tòrciri a cchiù d’unu,
fici d’’u tempu mei chiddru ca vosi,
e ‘a strata m’’a circài sempri c’’u cori.

‘Nta giuvintù vulìa canciari ‘u munnu,
ma ddopu, ‘u munnu mi canciàu a mia:
tantu mi desi e assai mi nni livau,
pezzi pirduti di la vita mia.

Ora ca sugnu ricca ‘i tanti cosi,
ca usu ‘a parola e ddicu zoccu penzu,
ca i figghi ‘i fici ranni e sunnu boni,
pozzu bbadàri a mia e vardari avanti.

Mi libbirai d’’i cosi strampallati,
fici spaziu e livai a cu’ non servìa,
pozzu vulari comu cchiù mi piaci,
senza pisu nè cudi, iò ccu mia.

Haju valìa di fari ancora scrusciu,
cercu ‘nta ll’occhi ‘i tutti, ppi capiri:
lassimi ‘u tempu ‘i vìdiri ca è bellu
puru ‘u guardari na jurnata ‘i suli.

Lasciami il tempo

Se è vero che a decidere
del tempo che ci resta
sono tre donne vecchie e sciatte,
Clòto che fila gli anni, i mesi e i giorni,
Làchesi che li avvolge intorno al fuso
e Àtropo, la più perfida, che taglia,
allora pure se il mio filo è pronto
lo stabilisco io: non si può tagliare.
Ho goduto a giocare nei miei anni,
dando filo da torcere a più d’uno,
ho fatto del mio tempo ciò che ho voluto,
e la strada l’ho cercata sempre col cuore.
In gioventù avrei voluto cambiare il mondo,
ma dopo il mondo ha cambiato me:
tanto mi ha dato e molto mi ha tolto,
pezzi perduti della vita mia.
Ora che sono ricca di tante cose,
che uso la parola e dico ciò che penso,
che i figli li ho fatti grandi e sono sani,
posso pensare a me e guardare avanti.
Mi sono liberata delle cose strampalate
ho fatto spazio e tolto chi non serviva,
posso volare come più mi piace,
senza peso né code, io con me.
Ho voglia di fare ancora rumore,
cerco negli occhi di tutti, per capire:
lasciami il tempo di vedere che è bello
pure guardare una giornata di sole.

in copertina: Goya, le Tre Parche, Museo del Prado, Madrid

Pubblicato inDonne

1 commento

  1. Armando Armando

    È vero da brivido. Complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *