Salta al contenuto

Le feste natalizzie de ‘na vorta

CONCORSO LETTERARIO QUESTO NATALE 2020

Regolamento. Al termine della lettura della storia, puoi lasciare il tuo giudizio. Vince la storia che riceve più Like. Il concorso termina il giorno di Natale. Il vincitore sarà proclamato il 26 e riceverà in dono tre libri degli autori del Blog

§§ §§

Le feste natalizzie der dumilaventi
non ponno esse come quelle
a casa de mi zio co li parenti,
me l’aricordo, erano propio belle!
Dar 24 infino a capodanno,
quarche sortita fora, na scarozzata,
coperti bene pe nun becca’ ‘n malanno
eppoi arifa’ la solita abbuffata.
Gioca’ a carte infino a la matina,
magna’ le cose bbone preparate,
fa lo scemo co quarche mi’ cugina,
ma sopratutto ammazzasse de risate.
Però er momento maggico arrivava
pei fiji e i nipoti tutti quanti
quanno da Checco zio ce portava,
da quer tipo che abbitava lì davanti.
Lui c’aveva drento ‘no stanzino
‘n baule vecchio pieno de botti
che dispenzava a ogni regazzino
pe’ fa più rumorose quelle notti.
Raudi, bomboloni e tricche e tracche
e quarche artro aggeggio infernale,
allora mettevamo sciarpe e giacche
e ruzzolavamo giù pe’ le scale.
In strada, co’ robba vecchia lì pe’ tera,
buttata pe’ l’usanza giù de sotto,
combattevamo quella nostra guera
sfregando prosperi pe’ accenne er botto.
Ero ‘no scemo, propio ‘n rimbambito.
Fa er dinamitardo pe la via!
Doppo cor tempo un po’ so’ rinsavito,
li botti l’ho proibiti ai fiji mia.
A aricordalli mo’ … che ber cojone…
‘sti mortaretti der ’59!,
ma se fosse, ne lancerei ‘n mijone
pe’ manna’ via ‘sto covid 19.

Pubblicato inGenerale

1 commento

  1. PierluigiDelPinto PierluigiDelPinto

    E così ti scopro anche poeta! Popolare, casereccio, allegro e spiritoso come nella migliore tradizione romana. Bravo davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *