Salta al contenuto

Libri che passione!

In coda alla cassa del supermercato, vedo la signora anziana prima di me che poggia sul nastro un libro. Il libro è Peter Pan, ha una rilegatura classica in oro e il personaggio è disegnato secondo lo stile di un tempo. Sorrido pensando a quella scelta. Poi mi rivolgo alla signora e le dico : Che bello rivedere questi libri! E la signora si illumina in volto: Si, l’ho comprato per mio nipote! Altro che Dragon Ball! Le rivolgo un’occhiata di approvazione e continuò la mia attesa. Mi viene in mente la mia camera, laggiù al sud. I miei genitori oltre ai vestiti e ai giochi, pensarono anche a dove avremmo dovuto sistemare i nostri libri. E così ci fu posto per l’armadio che dividevo con mia sorella e la libreria grande che ha ospitato i libri di scuola, i libri di lettura che nel tempo abbiamo comperato e custodito. Ho appreso l’amore per i libri grazie a mia madre, che mi ha avvicinato alla lettura fin da piccola. Lei era solita raccontarci le fiabe e poi quando fummo in grado di leggere da sole, spesso ci regalava dei nuovi libri. Poi da adolescente ho potuto godere di una fonte inesauribile di sapere: la vasta e fornita biblioteca di mia cugina. Da lei c’era un mondo favoloso di carta stampata, aveva volumi di ogni genere. Passavo ore a scegliere qualche libro che lei con solennità mi imprestava e di cui giustamente, ne pretendeva la restituzione. Era severissima nella scelta, se riteneva che quelle letture non erano adatte a me, mi vietava il prestito. Una volta mi ero incuriosita di un libro appena uscito in libreria , un successo tra i giovani negli anni 70. Mia cugina me lo vide in mano e disse che non lo potevo leggere, ma io insistetti e lei suo malgrado me lo concesse. La lettura è stata per me una compagna in tutti gli anni della mia infanzia ed adolescenza. La mia curiosità, la sete di scoperte mi ha spinta a non fermarmi mai. Ho letto tutti i giorni, nei posti più disparati . Nelle attese , sul treno, in viaggio, in spiaggia. Le più belle ore trascorse in solitudine, ma sempre con un libro . Il mio primo libro non lo ricordo, ma le favole le ho lette ed amate tutte. Il più il bello e riletto tante volte è stato Piccole donne, un meraviglioso spaccato di vita. Impegnativo ma meraviglioso Via col vento. E ritorno sempre a quella me nei pomeriggi afosi d’estate, seduta sui gradini del terrazzo, la testa china su un libro per sognare ancora.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *