Salta al contenuto

L’inno di Mameli

CONTAME IL TEMPO DEL CORONAVIRUS

E mentre che rispetto “tutti a casa”
me sento tutto quanto sballottato
er tempo che te sembra dilatato
c’ho intorno tutti esperti de la NASA.

T’arzi dal letto pe’ fa’ colazzione
te sembra strano : l’ora nu’ la guardi
tanti lo sai “mica faccio tardi”
pe’ fa’ er caffe’ fai ‘n’ operazione.

E semo diventati salutisti
che dar balcone poi se salutamo
co’ l’inno de Mameli che stonamo
e ritornano dentro meno tristi

È ‘na merenda da matina a sera
co’ la paura vera che te sgama
ce l’hai sardato addosso quer pigiama
che dall’inverno te porta a primavera

E tutt’a ‘n botto te metti a fa’ er fornaro
dentr’a quer forno ce metti ‘n po’ de tutto
fai finta de st’a dieta : caffè amaro
e poi te magni er pane co’ lo strutto

Pe’ passa’ er tempo poi te lavi bene
le mano so’ tornate regazzine
e la paura score ne le vene
‘n der divano e la televisione

Guardi lì scemi che gireno pe’ strada
lì pijieresti a pizze pe’ tre giorni
s’è fatto er tempo ch’er pane te lo sforni
e devi da tene’ la fame a bada.

Giri pe’ casa pe’ movete ‘n pochetto
cor contapassi poi te pii per culo
“la pasta l’ho bruciata de sicuro”
guardi lo specchio e te rimetti a letto.

nell’immagine: da Corriere TV, “Coronavirus: a Roma si suona l’Inno Nazionale dai balconi”

Pubblicato inPoesia

1 commento

  1. Rita Maria Orlando-Rylko Rita Maria Orlando-Rylko

    …e cantiamo e cantiamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *