Salta al contenuto

L’ultimo Tango

LUCIO DALLA INSPIRED

OPERA IN CONCORSO

Un fiore rosso sulla neve, non sono i petali di una rosa, ma il sangue che cola dalle baionette infilzate nel nostro ventre. Siamo già morti, ma non lo sappiamo ancora. Io ed il mio nemico stringiamo il fucile tra le mani, mentre quest’ultima macabra danza prosciuga lentamente le nostre anime. I pensieri volano oltre la paura ed il terrore e ti rivedo alla stazione solo pochi giorni fa. Il cappotto troppo grande per contenere il tuo minuscolo corpo, la tua pelle candida che accoglie come una carezza i pochi raggi di sole di questo gelido inverno, le tue labbra sottili come dipinte da una mano angelica e poi i tuoi occhi, un oceano verde spalancato sul mondo. Intorno, un mondo uguale di mani che si cercano, di abbracci infiniti, di lacrime che si perdono sulle divise ormai logore, di baci che non vogliono finire mai. Giovani cuori che forse si lasceranno per sempre.
Lontano il tuono di un cannone e poi un altro ancora. Ti si è spento il viso, ho cercato di regalarti un sorriso, ma l’ombra della paura ti ha strappato da me. La stazione è piombata in un silenzio assordante. Una giovane donna ha preso in mano il suo violino e l’aria si è di nuovo riempita di suoni. Uno struggente tango ha iniziato a farsi largo tra i nostri cuori disperati. Ti ho preso la mano, poi ti ho stretta a me. Sono stato investito dal fragore del tuo profumo ed ho iniziato a condurti in una danza appassionata tra la folla di soldati e di giovani donne. La stazione è diventata il nostro palcoscenico dove con gli occhi velati dall’emozione abbiamo danzato il nostro ultimo ballo, soffiando una brezza leggera tra le nostre anime sospese.
Non c’è quasi più vita nei miei occhi e nemmeno in quelli del mio nemico, forse anche lui li sta volgendo verso un amore che dovrà lasciare. Cadiamo in ginocchio, la neve sotto di noi ormai è una coperta rosso sangue. Crolliamo infine uno di fianco all’altro. Le nuvole arroccate in cielo decidono di aprire una breccia ed un raggio di sole illumina il mio ultimo pensiero.
“Che giorno sarà domani? Domani…. domani è sabato. “

immagine dal web

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *