Salta al contenuto

Mezzanotte

Credo ancora alle favole
È a notte fonda che vien fuori la verità
Il letto diventa giaciglio di sterpi roventi
Le ombre ballano come candele morenti
Silenzio, poi nulla e poi lo scalpitio di passi, ma è il cuore che cerca compagnia
Si immagina una mano che scalda
Fari nella strada, un’auto rovescia fuori
Dal finestrino una musica urlata
Scendono barcollando tre ragazzi
La mia cenerentola tornava senza una scarpa, a mezzanotte in punto
Suonava l’orologio sulla torre.

106
Published inAmore

Sii il primo a commentare