Salta al contenuto

Mi nipote

Quanno che me studio mi nipote
perché vojo capí com’è che cresce
pe’ metteje da parte ‘n po’ de dote
e faje sceje d’esse carne o pesce
Innanzitutto come parla sento
e si saluta tutti co’ rispetto
je do’ le vinte è vero è qui l’ammetto
ma je concimo er vero sentimento
Che qui se magna senza cellulare
a bocca chiusa e senza usa’ le mano
che s’e’ lavato prima de cianciare
e ch’er “bonappetito” qui l’usamo.
Quello che più m’accora adesso
nun è conta’ la roba che je lascio
me preme soprattutto pe se stesso
che dell’erbetta nun ce faccia ‘n fascio
Me sforzo de passaje quer che só
de daje li strumenti pe’ la vita
che deve da conosce più che pó
che’ La Sapienza nun è mai finita
Che ne la vita te pónno leva’ tutto
tranne er sapere che te porti dentro
se lo capisci allora hai fatto centro
saprai trova’ er bello dentr’ar brutto
saprai distingue er bene dar peccato
e capí bene poi perché sei nato.
Che sei er futuro fatto carne e ossa
e nonno t’ama più de quer che possa

82
Published inBambini

Sii il primo a commentare