Salta al contenuto

‘nto ventu

‘Nto ventu

‘I mè paroli li jittài ‘nto ventu,
comu fussiru pùrvuli liggera,
stannu vulannu comu aceddri stanchi
e s’arriposarànnu ppi cantari.

Parru di mia, d’’u munnu, e d’’a mè ggenti,
cci mettu dintra ‘u mè duluri veru:
sunnu sulu paroli, duci e amari,
sunnu ‘a mè vita e vi li vogghiu dari.

Non si ponnu firmari supra ‘i fogghi
di ‘n quadernu ppi stari ‘nt’ôn casciuni,
vonnu ggirari unni li poi tuccari,
e poi ggirari ancora e rriturnari.

Comu ‘i spisiddri d’un focu c’abbrucia
s’astutanu, e ‘nta ll’aria perdunu ‘a luci,
ma iò ca ‘i vosi scriviri e jittari
ci penzu ancora, e ‘i vogghiu sparagnari.

Sunnu l’eredità di tutta ‘a vita,
di quannu ‘a ggiuvintù cantava forti,
hannu ‘a mè vuci, ‘u cori, e tutti ‘i bbeni
chi mi ficiru crisciri accussì.

Nni scurdamu a li voti di cuntari
di quantu amuri nni desi carcunu,
ma ‘i nostri iorna volanu luntanu
e non sapemu quanti sunnu ancora.

Megghiu fussi firmàrisi ogni tantu,
si ‘u ciatu manca e ti tremanu ‘i jammi,
ma ‘a vuci non si ferma e mancu ‘a menti
e ‘i paroli si mettunu a vulari.

Volanu e si nni vannu senza ‘i nui:
sciàmanu comu fannu ‘i picciriddri
‘nta na jurnata i suli e un filu i ventu.

Al vento

Le mie parole le ho buttate al vento
come fossero polvere leggera,
stanno volando come uccelli stanchi
e si riposeranno per cantare.

Parlo di me, del mondo e la mia gente,
ci metto dentro il mio dolore vero:
sono solo parole, dolci e amare,
sono la mia vita e ve le voglio dare.

Non si possono fermare sui fogli
di un quaderno per stare in un cassetto,
vogliono andare dove le puoi toccare
e poi svoltare ancora e ritornare.

Come le scintille di un fuoco che arde
si spengono nell’aria, perdono la luce,
ma io che le ho volute scrivere e buttare
ci penso ancora e le voglio risparmiare.

Sono l’eredità di tutta la vita
di quando la gioventù cantava forte
hanno la mia voce, il cuore e tutti i beni
che mi hanno fatto crescere così.

Dimentichiamo a volte di raccontare
quanto amore ci ha dato qualcuno
ma i nostri giorni volano lontano
e non sappiamo quanti sono ancora.

Meglio sarebbe fermarsi ogni tanto
Se il fiato manca e ti tremano le gambe,
ma la voce non si ferma e neanche la mente
e le parole si mettono a volare.

sciamano come fanno i ragazzini
giocando col pallone fuori scuola,
in un giorno di sole e un fil di vento.

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *