Salta al contenuto

Omo, ma che te credi?

Te credi, omo, d’esse inteliggente
più forte ne le braccia e ne le mano
nun te paragona’: tu sei un nano
a par’a lei nun vali quasi gnente.

Ce so’ diverse frasi ne la gamma
che te faranno sta’ pure maluccio
ancora prima de mette ‘n bocca er ciuccio
tu apri la bocca e chiami solo MAMMA.

Pe’ questo quanno fai lo scellerato
e fai der male a ‘na pôra donna
ricordate de mamma quela gonna
che l’omo nero teneva allontanato.

Mo l’omo nero vôi proprio fallo te?
Violenti, sfreggi e troppe vorte ammazzi
lascianno sangue e lacrime de strazzi
e tutto questo senza mai ‘n perché .

Nun c’è cosa più bella senza scienza
d’avecce ar fianco tuo ‘na vera donna
che puro si nun porta quela gonna
la vita te trasforma in esistenza.

Si nun capisci questo, lassa perde
rimani e resta solo ‘n pappagallo
si vôi rispetto prima devi dallo
oppure affoga ‘nzieme a l’antre merde.

Raggiona co’ la testa e più côr côre
tu a la donna dajie solo amore.
Riceverai de più de quer che dai
de ‘na carezza, LEI, nun scorda mai.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *