Salta al contenuto

Pasquetta ad Albori

I vicoli scuri e poi giù le scale, sempre un po’ di corsa
Per giocare e cantare insieme quella canzone che la radio mandava.Corse in motorino fino al mare, nel vento caldo di quegli anni.Eran giovani persino i nostri vecchi, scherzavano allora. Poi il mondo non è stato più lo stesso, tutto ad un tratto gli anni hanno preso la rincorsa. Uno alla volta se ne sono andati, son rimasti impressi i loro sorrisi sulle foto. Su quelle scale, dove si infila il sole son voluta ritornare, ho sentito il suono dei piccoli passi, lo scroscio allegro delle risate.Nulla è cambiato o forse sì.

Pubblicato inLuoghi del Cuore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *