Salta al contenuto

Passione

Quel giorno uscì di mattina presto, si diresse alla scuderia e sello’ il suo cavallo , il giovane Blondie col mantello color miele e la folta criniera. Prese la strada battuta verso la campagna e tirando le redini respirò a lungo. Aveva bisogno di stare sola e di lasciar liberi i pensieri. Sentiva il freddo sul viso e anche se la giacca aderiva al petto, rabbrividì quando il cavallo prese il galoppo. Ricordò la sera prima, quegli attimi lui che si avvicinava alle sue spalle e le infilava entrambe le mani sotto la camicia, la faceva voltare e la liberava dagli abiti, per farla sua, li sul tappeto davanti al fuoco. Lei lo assecondava, travolta dalla sua stessa passione, attratta e nello stesso tempo convinta di doverlo allontanare. Mentre attraversava i campi e il sole occhieggiava tra gli alberi spogli, pensava alla prima volta in cui quell’uomo si era presentato. Era andato a chiedere lavoro a suo padre e aveva cominciato ad occuparsi della scuderia e della tenuta.Era un uomo robusto, atletico e aveva delle fattezze rudi ma che attraevano. L’aveva notata subito la figlia del padrone. Una ragazza giovane e bella, un bel fisico da cavallerizza esperta e un carattere solare. Lui la trattava con discrezione, ma i suoi sguardi infuocati raggiungevano quelli di lei. In breve tempo lui si dichiarò e senza molte parole finirono per trovarsi di nascosto. Non era stato difficile in quella casa enorme e nelle sue dependances. Spesso lui l’aspettava nelle sue stanze e lei lo raggiungeva, sempre con il timore di essere seguita, scoperta . Quella sera lui era oltremodo silenzioso, cupo ma poco dopo sbotto’. Le rivelò che era stanco di nascondersi e che aveva saputo che a lei si era avvicinato un ragazzo… un rivale. Voleva la verità. Cosa avrebbe voluto fare? Lui era pazzo di lei. Lei si schernì e disse che il ragazzo era un compagno dell’università, si frequentavano per studiare. Ma lui non era convinto, fremente di gelosia le diede un out out. Non vedrai più quel ragazzo! E poi come sempre davanti al fuoco l’attirò a se e si amarono. Lui con la rabbia del possesso e lei, lei persa nell’abbandono di quelle braccia.
Rientrò a casa con tutti questi pensieri che le affollavano la mente, l’amore appassionato contro il futuro, la libertà e la vita.

167
Published inAmore

Sii il primo a commentare