Salta al contenuto

Pianto di madre

25 Novembre 2021

“Chiantu di matri ”

Chi llocu ti sciglisti figghia mia?…
E ti sciupparu u cori,
non era llocu fattu pi ll’amuri
non c’erunu carizzi e fantasia.

Ru me giardinu eri la billizza,
nu sciuri delicatu e profumatu,
nte mani soi, nu sciuri sciuppatu…
ti mmazzau e di tia fici mundizza.

Sula fusti cu stu to’ fardellu,
vulisti beni all’assassinu toi,
non mi ricisti mai, vaiu o macellu
e pecura fusti figghia,
intra li mani soi.

Mentri murivi picciriddha mia,
non c’era la me manu mi ti stringi,
mi ti ccarizza ancora li capiddhi…
mi ti rici, rormi…mamma e’ cca cu ttia!

Traduzione:
Pianto di madre

Che luogo hai scelto,figlia mia?
E ti hanno strappato il cuore,
non era un luogo fatto per l’amore,
non c’erano carezze e fantasia.

Del mio giardino eri la bellezza
un fiore delicato e profumato,
nelle mani sue un fiore strappato,
lui ti ha uccisa e di te fatto spazzatura.

Sola sei stata col tuo fardello,
amavi il tuo assassino,
non mi hai mai detto vado al macello
e pecora sei stata tra le mani sue.

Mentre morivi, piccola mia,
non c’era la mia mano a stringerti,
a carezzare ancora I tuoi capelli,
a dirti, dormi, mamma e’ qui con te!

 

Pubblicato inDonne

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *