Salta al contenuto

Ricordo di un amore

Lenzuola fiorite di morbido percalle, cuscini rivestiti con federe bianco di puro lino, campeggiava un ricamo perfetto e la scritta che mani agili avevano impresso con punti ed ago. La buonanotte nei letti profumati , come inondati di spighe di lavanda. Il sole sorgeva in quei mattini e si spandeva nelle finestre grandi e già aperte, dove dominavano gli alti soffitti tinteggiati di bianco . Le strade polverose che costeggiavano la ferrovia, i muretti e le rare costruzioni . E poi corti e giardini di lussureggianti vegetazioni, alberi da frutti che grondavano rami carichi di petali, bianchi e rosa. Promesse di succosi frutti d’estate, cesti di ciliegie occhieggiavano e nespole dal sapore un po’ amaro e un po’ dolce. Ricordo d’amore, così come quei frutti .Lei è la sua cascata di capelli sulle spalle e la risata come uno scroscio di acqua pura, la stringo tra le braccia mentre finge di scappare via.Ricordo di un amore, lavato di pioggia d’autunno, cappotto di lana sulle spalle e neve lieve degli inverni. La primavera schiudeva i suoi frementi boccioli, poi arrivò l’estate e bruciarono in fretta quei giorni, si incendiarono nei pensieri.Ricordo d’amore e l’estate me la strappo’, quella sera non ci furono per me le stelle accese. Ricordo d’amore vinse sulla pietà del mare , scrissero parole sulla sabbia che il mare cancellò, come una mano passò veloce su quei nomi, ma chi amo’ non dimentichera’mai.

Pubblicato inAmore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *