Salta al contenuto

Se le mettessimo in fila

25 Novembre re 2022

Se le mettessimo in fila
sarebbero una colonna.
Un infinita colonna di sagome,
di corpi straziati, offesi.
Camminerebbero lente,
ferite da troppi dolori.
Si terrebbero vicine,
con braccia strette al corpo
per proteggere il loro cuore.
Povere donne mie;
senza più vita ne’ sangue,
senza più amore da dare
ne’ sogni di giorni futuri.
Luce spenta negli occhi,
labbra secche, salate,
ferite che non si risanano,
braccia che restano vuote.

Pubblicato inDonne

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *