Salta al contenuto

Se vuoi

La incontrai una sera all’uscita di una stazione mentre la pioggia cadeva fitta.
Era seduta per terra con una coperta spelacchiata sulle gambe.
Mi guardò.
Due occhi vuoti e un grido muto impressi nei miei.
Mi avvicinai piano.
Era gelata.
Non riuscii a chiederle cosa potessi fare per lei.
Era sin troppo evidente che non avrebbe mai chiesto nulla.
Le anime stanche sono abituate a non lamentarsi mai.
A non chiedere per non disturbare.
Così entrai in un bar e ordinai una tazza di latte caldo.
Tornai da lei il più in fretta possibile per portarle un po’ di quel calore.
Mi ringraziò.
Poi mi sfiorò piano la mano e la guardai.
Non c’è bisogno di troppe parole quando gli occhi si incontrano.
Mi allontanai sotto la pioggia continuando a voltarmi indietro di tanto in tanto fino a quando scomparve.
Fu allora che sentii qualcosa dentro di me che prima non c’era.
La serenità dell’amore
che lei, sfiorandomi, mi aveva regalato.

92
Published inAmore