Salta al contenuto

Si Mari

Si Mari..
E quandu bussasti
ieu t’ apria,
sulu tandu capiscia
chi non mi saziu, tu mai mi basti.
Si Mari
eppuru ieu ti ‘mbrazzu
sentu u to rispiru, ti ccarizzu,
ti rialu paroli comu perli rari .
Ti mbicini, ruffianu,
ti pigghi i me pinzeri,
puru cacchi lacrima di ieri
poi torni arretu chianu chianu.
Si Mari
ieu ti vulissi tuttu pi mmia
na uccia inveci mi rassasti e cusì sia…
– Acqua sugnu, scurru e non pozzu amari-.

Traduzione
Sei Mare
E quando hai bussato
io ti ho aperto,
solo allora ho capito
che non mi sazio, tu non mi basti mai .
Sei Mare
eppure io ti abbraccio,
sento il tuo respiro, ti accarezzo,
ti regalo parole come fossero perle rare.
Ti avvicini, ruffiano,
ti prendi i miei pensieri,
persino qualche lacrima di ieri
poi arretri, piano piano.
Sei Mare
io ti vorrei tutto per me
una goccia invece mi hai lasciato, e così sia…
– Acqua sono , scorro e non posso amare-

Pubblicato inLuoghi del Cuore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *