Salta al contenuto

Si putissi

Iò, si putissi, non facissi nenti,
mi lassassi purtari di lu ventu,
circassi di vulari dintra ô celu
e mi jittassi ‘n funnu di lu mari.

E quantu mi piacissi essiri pazza,
pèrdiri ‘u sennu e non aviri cori,
strìnciri l’occhi e non vìdiri nenti,
senza nuddra memoria e nenti attornu.

Biatu cu nun avi a chi pinzari,
cu nun avi duluri e peni ‘n testa:
si ‘a testa dici no, poi parra ‘u cori,
si’ carzarata, non c’ è nenti ‘i fari.

E c’è ‘a memoria chi non lassa paci,
ti sconcica, ti dici zoccu ha’ fari,
t’arricorda ca ‘u tempu sta passannu
e t’ha’ spicciari, hai tanti cosi ‘i fari.

Cci ha’ ddiri ê figghi quanto cci voi beni,
ê soru, ê frati, e a tutti l’autri toi,
e poi, a ccu ll’hai vicinu di ‘na vita
cci ha’ diri quantu vali iddru ppi tia.

Ti desi amuri e non ti circau nenti,
ancora è appressu a tia, e ti sta vicinu,
senti tutta a tò smania di pacciàri,
ti teni ferma e ti resta mmiddratu.

Quanta strata hai davanti non si sapi,
però si sapi comu ti ll’ha’ ffari:
hai tanta forza e cùrriri ti piaci,
spicciati, è ura, ‘ccumenza a caminari.

Se potessi

Io, se potessi, non farei niente,
mi lascerei trascinare dal vento,
cercherei di volare dentro il cielo
e mi butterei in fondo al mare.

E quanto mi piacerebbe essere pazza,
perdere il senno e non avere cuore,
chiudere gli occhi e non vedere niente,
senza nessun ricordo e niente intorno.

Beato chi non ha cosa pensare,
chi non ha dolore e pene in testa:
se la testa dice no, poi parla il cuore,
sei carcerata, non c’è niente da fare.

E c’è la memoria che non ti da pace,
ti disturba, ti dice cosa fare,
ti ricorda che il tempo sta passando
e ti devi sbrigare, hai tante cose da fare.

Devi dire ai figli quanto gli vuoi bene,
alle sorelle, ai fratelli, e a tutti gli altri tuoi,
e poi a chi hai vicino da una vita
devi dire quanto vale lui per te.

Ti ha dato amore e non ti ha chiesto niente,
ancora è accanto a te, e ti sta vicino,
sente tutta la tua smania di folleggiare,
ti tiene ferma e ti resta incollato.

Quanta strada hai davanti non si sa,
però si sa come la devi fare:
hai tanta forza e correre ti piace,
sbrigati, è l’ora, comincia a camminare.

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *