Salta al contenuto

Sogno

Questa notte ho toccato la luna
Vagabondando tra anima e sogno.
Mi sono beata in quel regno di astri,
Immersa in un cielo infinito punteggiato di stelle.
Sono diventata particella del tutto e del niente,
Battito d’ali tra fruscii percettibili,
Eco lontano di altra vita trascorsa,
Pensiero puro, corpo immateriale.
Ora sono onda di tempo, ricordo sospeso,
Marea che invade e trascina lontano.
Lontana da me e da ogni cosa che pesa,
Mi specchio in riflessi sfocati, sfuggenti,
Dove i perimetri sono incalcolabili
E le ombre si assottigliano come fossero lame.
In questa dimensione si perdono i miei passi,
Non rimane traccia ne orma.
Lontana, la risacca, ripete il tuo nome.

Pubblicato inSogni

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *