Salta al contenuto

sto’ Natale

So’ sempre annato ‘n po’ controcorente
e dí da sempre quello che penzavo
senza fa’ vede d’esse troppo bravo
dei battimano nun m’e’ fregato gnente
e adesso qui pe esse coerente
vorrebbe commentallo ‘sto Natale
e de ‘sta guerra contro ‘sto gran male.
Me so’ fermato a davve ‘na guardata
de quante palle sparamo su pe’ l’aria
e come riuscite a avecce tanta boria
er viruse l’ha solo amplificata
piagnete i morti e puro l’ammalati
tutti ammucchiati nei supermercati
Lí panettoni a cento mila lire
ma che so’ poi rimbecilliti?
er consumismo ce strigne ne le spire
e tutt’al botto li cerchi e so’ finiti
e penzo a tutti i pori disgrazziati
che pure oggi nisuno l’ha penzati
E me vergogno de tutto ‘sto spreco
e d’esse stato pe tanto tempo cieco.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *