Salta al contenuto

Strega

Su una rupe stetti a rimirare il mare.
Il suo richiamo sensuale
faceva fremere il mio corpo di un perverso languore.
Poi venne la nube e accarezzo’ silente
le mie membra
protese verso il Niente.
Il vento sfiorò il mio viso,
carezza languida e poi audace,
di amante sapiente che tutto vuole, tutto chiede e poi, soddisfatto nell’ amore, dormiente, tace.
E poi fu tutto mio quell’ immenso grigio: acqua, nuvola, vento e rupe.
Aprì le braccia e accolsi la Tempesta.
E in quella furia c’ era tutta la mia forza!
_ Strega!_ mi chiamarono.
Mi condannarono al rogo.
E in mezzo a quelle fiamme dilanianti
che lambivano il mio corpo
ripensai al mare, al vento, alle nubi ormai così distanti…
_ Non capite !!!!_ gridai
_ Ero solo Donna,
e non lo capirete Mai!!!!

la foto è di Clara Grieco

60
Published inDonne

Sii il primo a commentare