Salta al contenuto

Sulla strada

Ho imparato a sognare
Quando inizi a scoprire
Che ogni sogno
Ti porta più in là
Cavalcando aquiloni
Oltre muri e confini
Ho imparato a sognare da là

testo e musica dei Negrita

 

Mi chiamo Salvatore, ho 51 anni, sono un educatore.

Ho conosciuto questo che non è un lavoro, non è un mestiere, non è una professione nel 1997.

Ero un obiettore e sono venuto a Roma, lasciando Napoli e il corso di laurea in Architettura ed ho cominciato a lavorare nella “Unità di strada” di un’associazione che si occupava di dipendenze.

La strada, da allora, è il mio luogo di lavoro: è lì che “assisto e seguo” i minori HIV o socialmente fragili, quelli che escono di casa con i pugni chiusi in tasca indossando la faccia da uomo duro per vestire la solitudine, la disperazione, la rabbia.

Li chiamano “fragili” perché è come se ciascuno di loro fosse circondato da una bolla di vetro soffiato che basta un niente per rompersi e ricacciarli in una vita senza sogni e senza speranze.

Ognuno ha una storia sempre diversa e sempre uguale fatta di degrado, violenza, abbandono: l’educatore è quello che ascolta, che accoglie, che c’è; che parla di sogni e di possibilità, che racconta che anche dalle favelas argentine ci si può tirare fuori e diventare el pibe de oro.

Ma è proprio tanto difficile sperare e imparare a sognare abitando nel quartiere più degradato di Roma, quello abbandonato da tutti, dove una famiglia vive in 22 metri quadrati senza servizi e senza luce.

Poi capita che segui un minore che non è più solo un bambino, lo vedi e giochi con lui, tu indossi la maglia con la faccia di Diego e lui si incuriosisce e tu racconti e lui ascolta e i suoi occhi grandissimi e neri si riempiono di luce e poi lui parte con il resto della famiglia ad incontrare il padre che abita tanto tanto lontano e il bambino ti chiama perché gli manchi tu e le favole che racconti.

E senti il tuo cuore scoppiare dalla felicità

Perché faccio l’educatore? Proprio perchè non è un lavoro, non è un mestiere, non è una professione ma una passione. La passione di raccogliere le tracce di una umanità perduta e dolente in ogni angolo di strada, in ogni volto, in ogni storia.

Io raccolgo queste tracce, ricordo ogni storia e conservo tutti i loro gesti, piccoli e immensi con i quali ciascuno di loro mi ha ringraziato di esserci.

Mi chiamo Salvatore, ho cinquantuno anni, sono un educatore di strada e amo la vita che faccio.

 

 

 

 

 

Pubblicato inGenerale

1 commento

  1. Anna Anna

    E io ti ringrazio per questa splendida testimonianza che ti fa onore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *