Salta al contenuto

T’amo, non t’amo

T’amo non t’amo.
Da bambina se la cavava così, con i petali delle margherite.

Su quel treno lo aveva incontrato una mattina d’inverno.
Lo aveva visto leggere, sprofondato nelle pagine e disinteressato a tutto ciò che lo circondava.
Come capita quando si è assorti e presi dalla storia, non l’aveva degnata di uno sguardo quando gli aveva chiesto di potersi sedere.
I capelli arruffati, il fascino di chi basta a se stesso per vivere.

T’amo non t’amo.
Non sapeva se lo amava o lo odiava per quel suo essere sempre trasandato e assente.
Aveva provato più volte ad allontanarsi, a non farsi trovare, per vedere se l’avrebbe cercata.
Ma lui non se ne era mai reso conto, come se un giorno o un mese lontano da lei non facessero alcuna differenza.
Entrava d’improvviso a casa sua, abbandonava il soprabito sulla poltrona. Poi la prendeva a sé, la stringeva forte, le accarezzava le guance, le dava mille baci sulla bocca.
Disarmata, lei non riusciva a volergliene, e tutta la rabbia scompariva d’un tratto.
Cominciava a ridere, a sciogliersi, chiedendosi come avesse fatto a volerlo dimenticare.
Lui le chiedeva perché fosse tanto felice, ma senza attendere la risposta…
Dopo l’amore cominciava a guardarla, allora sì finalmente.
E lei, con le guance infiammate, si arrendeva.
Ancora una volta l’aveva conquistata.

T’amo non t’amo.
Ti amerò per sempre.

Pubblicato inDonne

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *