Salta al contenuto

Temporale

A poco a poco l’azzurra tela del cielo fa posto a grossi nuvoloni grigi e poi ai neri scuri gonfi di pioggia. Un vento incalzante ulula nei vicoli senza sole si incunea sotto le porte fa sbattere le finestre e arrotolare le tende. La biancheria stesa si aggroviglia al filo, si tende quasi a strapparsi, le cuciture resistono e quasi gemono nella tensione delle fibre. Cumuli di fiori bianchi rosa lilla che il vento ha portato via dagli alberi carichi corrono lungo i marciapiedi, foglie giovani verdi volano e poi si posano dove si trovano. E poi il tuono forte seppur lontano, l’abbaio dei cani e il veloce andirivieni nelle strade, le piazze liberate dai tavolini , le sedie riposte e poi giù grossi goccioloni, e poi sempre più pesanti scrosci di pioggia chiara di primavera che allaga i lastroni, i gradini della chiesa e gli ultimi frettolosi passanti. In spiaggia solo due innamorati, le teste e i corpi vicini a proteggersi dal vento sferzante. Volano via gli ultimi gabbiani insieme a nugoli di sabbia e fogli di carta. I due ragazzi si alzano e proteggendosi corrono a ripararsi. La pioggia arriva,violenta a mutare il paesaggio .

Pubblicato inLuoghi del Cuore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *