Salta al contenuto

Tutti a casa

CONTAME IL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Dovenno resta’ a casa per davero
Dovemo rimpara’ a passa’ er tempo
tutt’er cervello dovemo mette ‘n campo
E nun dovemo vede tutto nero

Co’ la lentezza dovemo rifà pace
famo er caffè co’ la caffettiera
guardanno escì la prima goccia nera
apparecchiamo come più c’è piace

Magnamo poco ma tutto cucinato
niente robetta pronta e preparata
mettemose a rifà la marmellata
ai regazzini parlamo der casato

Famoje conosce la famijia
co le fotografie in bianco e nero
parlannoje der nonno brigadiero
vedrete che interesse che je pijia

Oppure poi de’ nonna smorfiosetta
e de quanto c’hanno tribolato
pe’ fallo sur divano sta’ sdraiato
‘nzieme a noi e co la bicicletta

Co’ la compagna che ce sta’ vicino
Dovemo riscoprille le carezze
guarda’ ‘n silenzio er fóco ner camino
chiudenno l’ occhi è risentì le brezze.

Ma le tutone co’ li petalini
lasciamoli la’ dentro ai commodini
perché l’amante poi ce mette poco
Pe quanno finira’ ‘sto coprifoco.

l’immagine è tratta dal film “Tutti a casa” di Luigi Comencini (1973)

Pubblicato inPoesia

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *